L’arte della calligrafia

Aggiornamento: 19 feb 2021

Di Alessia Rezzano


La calligrafia è una vera e propria forma di arte e cultura, che non solo occupa una posizione rilevante nel campo delle belle arti, ma è anche parte dei Patrimoni orali e immateriali dell’umanità.

Prima di iniziare a parlare di alcuni elementi e meccanismi che definiscono la calligrafia, ecco qui alcune premesse e fatti interessanti da tenere in considerazione:

  1. Non esiste un alfabeto cinese. La scrittura cinese si caratterizza per unità grafiche che definiscono un suono, un’idea ed un concetto.

  2. Il termine corretto per indicare un’unità grafica è carattere, non ideogramma.

  3. Esistono circa 56000 caratteri e la soglia di alfabetizzazione è la conoscenza di 2000 caratteri.

  4. La scrittura cinese è unica in tutta la Cina, anche se a Taiwan, Hong Kong e Macao si utilizza nella sua forma non semplificata.

  5. La parola cinese utilizzata per definire calligrafia è shū​fǎ​ 书法, composta da shū 书 che significa libro, documento e per estensione scrittura, e da ​fǎ 法 che significa legge, regola.

  6. La scrittura dei caratteri cinesi sviluppa la capacità di concentrazione, l’attenzione ai dettagli, la forza di volontà, nonché aiuta il rilassamento della mente e del corpo.


Cenni storici

La scrittura cinese vanta di una storia lunga millenni che ci riporta indietro nel tempo all’epoca della dinastia Shang (circa 1600 a.C.-1046 a.C.), durante il periodo neolitico.

I primi ritrovamenti risalgono alle ossa oracolari – ossa animali e gusci di tartaruga – incise con testi divinatori. Parliamo di 甲骨文 (jiăgŭwén), il primo esempio di scrittura cinese costituito da oggetti, persone o cose.

Successivamente, le iscrizioni iniziarono a comparire anche su bronzo in modo più standardizzato, abbandonando a poco a poco la natura pittografica.

Un anno chiave nella storia della scrittura cinese è il 1949, anno di fondazione della Repubblica popolare cinese, in quanto il governo optò per un’ulteriore semplificazione dei caratteri più comuni per promuovere l’alfabetizzazione: alcuni caratteri tradizionali vennero sostituiti da ideogrammi con grafia più semplice.


Elementi principali: i tratti e l’ordine

Scrivere un carattere è un’arte che richiede molta pratica e memoria. I caratteri seguono regole ben precise e sono composti da una serie di punti e linee, definiti tratti, di forme e spessori diversi che vengono scritti seguendo un ordine determinato.

Il carattere va idealmente inserito all’interno di un quadrato e l’equilibrio della grandezza dei tratti, nonché la spaziatura tra diversi caratteri, sono elementi fondamentali per conferire armonia e simmetria al testo scritto.

I tratti principali sono 8:

  1. Il punto

  2. Il tratto orizzontale – da sinistra verso destra, di solito ha un andamento leggermente ascendente.

  3. Il tratto verticale – dall’alto verso il basso

  4. Il tratto discendente verso sinistra – grosso nella parte iniziale e sottile nella parte finale.

  5. Il tratto discendente verso destra – sottile nella parte iniziale e grosso, ma a punta, nella parte finale.

  6. Il tratto ascendente – grosso nella parte iniziale e finisce a punta. La sua inclinazione deve essere di circa 45° rispetto al resto della figura.

  7. Il tratto ad uncino – molte varianti e può essere verticale, orizzontale o curvo, e ha la sua caratteristica principale nella parte finale.

  8. Il tratto curvo – unione di un tratto orizzontale e di uno verticale, ottenuta eseguendo i due tratti in sequenza senza staccare il pennello dal foglio. Il tratto può presentare un angolo secco oppure più arrotondato.



Le regole dell’ordine dei tratti sono:

  1. il tratto orizzontale prima di quello verticale;

  2. il tratto discendente a sinistra prima di quello discendente a destra;

  3. il componente di sopra va disegnato prima di quello inferiore;

  4. il componente di sinistra va disegnato prima di quello a destra;

  5. i tratti esterni prima di quelli interni;

  6. il tratto centrale prima di quelli laterali simmetrici;

  7. i tratti interni prima di chiudere alla base l’elemento esterno;

  8. il corpo principale prima del tratto centrale che lo interseca.


I 4 strumenti del calligrafo

Gli oggetti utilizzati dai calligrafi per esercitare l’arte della scrittura cinese vengono considerati veri e propri tesori della cultura cinese. Sono: il pennello, la carta, l’inchiostro e la pietra per l’inchiostro.


Per concludere, è importante ricordare come conoscere un carattere non significhi solo saperlo riconoscere, ma anche sapere come si scrive, si pronuncia e cosa significa.

Se volete mettervi alla prova ed imparare alcuni caratteri, non perdetevi il video su IGTV.

English Version here.

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti