top of page

L’arte del dono 送礼

Aggiornamento: 19 feb 2021

di Stefania Tosetto


Fin dall’antichità, l’arte del dono 送礼 (sònglǐ) ha un ruolo fondamentale nel definire i rapporti sociali. Il dono all’Imperatore aveva la funzione non solo di definire la subordinazione di un paese alla Cina, ma anche di favorire l’amicizia tra Paesi per evitare attacchi da parte delle popolazioni confinanti. Questa usanza è rimasta molto forte nella cultura cinese, infatti ancora oggi il dono, se scelto correttamente e consegnato in maniera appropriata, permette di costruire e consolidare i rapporti sociali.


Le caratteristiche di un buon dono

Il dono deve essere incartato con cura, facendo attenzione al colore della confezione: meglio scegliere rosso, oro, rosa o giallo, che simboleggiano felicità, ricchezza e fortuna. Sono invece da evitare il bianco e il nero, colori utilizzati in occasione dei funerali e quindi associati alla morte.

È bene fare attenzione anche alla numerologia e scegliere oggetti in serie o multipli di 8 八 che, grazie alla sua omofonia con 发 (prosperità e successo), è il numero fortunato per eccellenza. Mai regalare, invece, oggetti in serie o multipli di 4 四, in quanto la pronuncia è molto simile a quella di morte 死 .

Quando si offre o si riceve un dono, è consigliato usare entrambe le mani in segno di cortesia e rispetto. Non è raro che la controparte inizialmente rifiuti il regalo: non è scortesia ma un segno di modestia. Basterà insistere un po’ e il regalo verrà accettato. È consigliato anche non scartare immediatamente il dono (a meno che non sia richiesto espressamente), per non far passare il messaggio che il contenuto sia più importante del pensiero.

È bene anche fare attenzione al valore economico del dono: meglio evitare regali troppo costosi, altrimenti chi lo riceve si sentirà in obbligo di ricambiare con un dono altrettanto costoso In Cina esiste infatti l’espressione 礼尚往来lǐshàngwǎnglái, ovvero “la cortesia richiede reciprocità”. In qualsiasi caso, in un momento consono, riceverete in cambio un dono o un messaggio di ringraziamento.


Cosa regalare

  1. Hongbao 红包 hóngbāo, le buste rosse che contengono soldi, donate soprattutto in occasione del Capodanno cinese e dei matrimoni. La busta rossa simboleggia fortuna e ricchezza e, secondo la tradizione, è in grado di tenere lontani gli spiriti maligni;

  2. Piante, soprattutto il mandarino cinese, in quanto il nome cinese 金桔 jīnjú contiene il carattere di “oro” (金), rappresentando così un augurio di ricchezza;

  3. Cesti con frutta e dolcetti. Bisogna comunque stare attenti alla scelta della frutta, infatti, per questioni di omofonia, anche la frutta può avere significati positivi o negativi. Meglio scegliere mandarini (桔子júzi) come auspicio di fortuna per il nuovo anno, mele (苹果 píngguǒ) come simbolo di pace, pesche (桃子 táozi) e uva (葡萄 pútao) come augurio di lunga vita;

  4. Alcolici o tè, sempre molto apprezzati dai cinesi, soprattutto se accuratamente confezionati;

  5. Cioccolatini e dolci. Negli ultimi anni, in particolare, i Ferrero Rocher sono diventati popolarissimi come regalo. Il motivo principale, oltre alla bontà, è l’incarto dorato, colore che simboleggia abbondanza e ricchezza.

Cosa non regalare

Ci sono anche diverse superstizioni che affondano le loro radici nella cultura cinese e che rendono alcuni oggetti dei regali fortemente sconsigliati. Tra questi sono particolarmente sgraditi:

  1. Orologi, 钟表 zhōngbiǎo, poiché 钟 zhōng ha la stessa pronuncia di 终 zhōng che significa fine. Un’altra motivazione è che “regalare un orologio” 送钟 (sòngzhōng) ha la stessa pronuncia di “dare l’estremo saluto” 送终 (sòngzhōng), richiamando la morte.

  2. Pere, 梨子lízi, per la sua omofonia con 离, che significa allontanarsi, andare via. Sempre per lo stesso motivo, la pera non va nemmeno divisa con qualcun altro quando la si mangia.

  3. Ombrelli, 伞 sǎn, perché la pronuncia è simile a quella di 散sàn, che significa separarsi. Regalare un ombrello avrebbe quindi il significato di voler rompere una relazione.

  4. Coltelli, forbici e altri oggetti appunti, perché con questi oggetti è facile ferire le persone.

  5. Gli specchi, perché, secondo la cultura cinese, trattengono gli spiriti. Inoltre, sono oggetti fragili e, una volta rotti, non si possono più ricomporre, caratteristica che simboleggia cattivo auspicio.

  6. I crisantemi perché sono i fiori che spesso si usano nei cimiteri o si portano alle persone decedute.

  7. Le scarpe, la parola 鞋 xié è infatti omofono di 邪 xié, che significa “malvagio, demoniaco”. Inoltre, la frase “mettere scarpe strette” 穿小鞋 chuān xiǎoxi si utilizza con il significato di rendere la vita difficile a qualcuno. Infine, le scarpe si indossano ai piedi quando si deve andare via. Se vengono regalate, il significato percepito può essere che la persona che le regala desidera che l’altra vada via.

  8. Cappelli verdi, perché l’espressione 戴绿帽子 dài lǜmàozi significa “portare/avere le corna”. Ricevere questo regalo può quindi essere interpretato male, soprattutto se è il partner a regalarlo.

Fare un regalo non è mai facile, in Cina lo è ancora meno, ma spero che queste piccole tips vi aiuteranno!


Fonti:



Gli hongbao, le buste rosse in cima alla lista dei doni in Cina Photocredits: web

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page